Così come riportato recentemente dal ilSole24ore.com è ormai una conferma, il Baselworld, la più importante manifestazione dedicata all’orologeria e alla gioielleria, salterà l’appuntamento 2020 a causa della pandemia Covid-19!

Si paventata già da qualche giorno questa possibilità ma fino all’ultimo, il Managing Director di Baselworld Michel Loris-Melikoff, ha sperato potesse non essere così ma con un comunicato diffuso agli organi si stampa in queste ore ha dichiarato che l’annullamento del Baselworld è un atto dovuto, bisogna infatti concentrarsi alla Nuova Edizione 2021, che è un opzione pensata proprio per venire incontro agli Espositori i quali potranno concentrare le forze per l’organizzazione dell’evento in vista per il anno.

Si è pensato infatti di anticipare al 28 Gennaio 2021 l’evento che solitamente apriva i battenti la settimana dal 30/04 al 06/05, questa pausa forzata, dichiara Michel Loris-Melikoff, sarà un occasione per rinnovare e migliorare il format della manifestazione e per il nostri Clienti invece sarà un momento favorevole per presentare nuovi prodotti e prendere gli ordini.

Ad aggiungersi alle dichiarazione del Managing Director di Baselworld Michel Loris-Melikoff vi è anche il Ceo di Mch Group Bernd Stadlwieser, che organizza la manifestazione, il quale ha detto: «Nelle ultime settimane sono rimasto molto colpito dal coinvolgimento e dalla fiducia da parte dei nostri clienti, partner e collaboratori per trovare la soluzione migliore nell’interesse di tutti. Siamo rimasti tutti costantemente in contatto e siamo stati in grado di lavorare considerando diversi scenari e di decidere congiuntamente quello migliore. Vorrei ringraziare tutti per la fiducia e l’impegno nei confronti della nostra piattaforma».

La più grande novità della nuova edizione 2021 del Baselworld è stata anticipata proprio da Stadlwieser il quale ha affermato:  «Lanceremo il nuovo servizio digitale»
Il ceo di Mch Group ha acceso i riflettori sul futuro “digital” della fiera: «Baselworld non è solo il più grande evento mondiale di orologi e gioielli, ma è anche destinato a diventare la più grande piattaforma di community al mondo del settore, attiva tutto l’anno. Infatti, nelle prossime settimane presenteremo un nuovo servizio digitale che sarà essenziale e utile per tutta la nostra comunità e che crediamo soddisferà le esigenze dei brand che sono diventati ancora più importanti in questi tempi difficili e turbolenti».

Si prevendono quindi tantissime novità già il prossimo Autunno, basterà pazientare per scoprire cosa hanno in serbo brand del calibro di Rolex, Patek Philippe, Chanel, Chopard, Hublot, Zenith e Tag Heuer…aspettare non sempre è negativo…anzi.

 

 


A ottobre verrà battuto da Phillips a New York l’orologio che l’attore donò al suo stunt-man

Storie di persone e di orologi: per creare il mito sembra inevitabile che queste due strade si incrocino. Così se lo scorso autunno il Rolex Paul Newman di Paul Newman ha stabilito il nuovo record di orologio più costoso mai battuto all’asta, il prossimo autunno avrà un nuovo protagonista: il Rolex Submariner di Steve McQueen.

Il 25 ottobre, Phillips, a New York, metterà infatti all’incanto la referenza 5513 acquistata dall’attore negli anni Sessanta e donata al suo stunt-man, Loren Janes, alla fine degli anni Settanta, come testimoniato anche dall’incisione sul fondello: “Loren, the best damn stunt-man in the world. Steve.”. Loren, scomparso l’anno scorso in seguito alle complicazioni date dall’Alzheimer, è stato la controfigura dell’attore americano in ben 19 pellicole, tra le quali film come “Bullit”, “La grande fuga” e “L’affare Thomas Crown”. Un orologio le cui valutazioni oscillano tra i 300.000 e i 600.000 dollari.

I motivi che lo rendono speciale sono molteplici. Intanto gli esperti di Phillips assicurano che si tratta dell’unico modello conosciuto che reca inciso il nome dell’attore. Inoltre è la prima volta che questo orologio viene messo all’asta: Loren Janes, infatti, non se ne separerà mai, e, nel 2016 sarà ritrovato da sua moglie e sua figlia tra le ceneri dell’incendio che a Sand, in California, distruggerà 17 mila ettari di terreni, bruciando la casa e tutti gli averi della famiglia Janes. L’orologio verrà fornito con una lettera di Rolex che ne conferma origine e l’avvenuto restauro.

Articolo tratto da GQItalia.it


This October, Paul Newman’s Rolex set the world record for a wristwatch at auction when it sold for $17,752,500.

This month in New York, Phillips in Association with Bacs & Russo has set a new world record for any wristwatch at auction. Following a 12-minute bidding war, which opened with a startling and deliberate phone bid of $10 million, Paul Newman’s Rolex “Paul Newman” Daytona finally went to a competing bidder on the phone. Watch enthusiasts from around the world followed this historic moment online, over the phone and in a packed saleroom of more than 700 people.

This timepiece is the only “exotic”-dialed Daytona that Mr. Newman owned, inspiring the storied nickname for the most prestigious versions of Rolex‘s Daytona. It was only fitting that this ultimate of sought-after lots would lead Phillips Watches‘ New York City debut following numerous successful seasons in Geneva and Hong Kong. The total sale realized $28,875,750—the all-time record for a U.S. watch auction—and saw participation from bidders across 43 countries.

The atmosphere was electric throughout the entire sale of iconic watches from the 20th century, which featured rare and important models from OmegaHeuerAudemars PiguetCartier and other leading watchmakers.

This record result is a testament to the historic importance and continued legacy of this Rolex.
— Aurel Bacs

Aurel Bacs, Senior Consultant, spoke to the press after the historic event. “Kicking off our fall season, WINNING ICONS was a groundbreaking event for the international collecting community, realizing $28.8 million and establishing the highest total ever achieved for a watch auction in the United States. This historic sale was led by the one and only, original ‘Paul Newman’ Daytona, the true ‘Adam and Eve’ of the watch-collecting world.”

Added Paul Boutros, Head of Watches, Americas, and Senior Vice President, “It was a tremendous honor to have been entrusted with the sale of the watch that started it all.” The team collectively looks forward to carrying this momentum into the season’s remaining sales in Geneva and Hong Kong, including a thematic sale of Heuer Chronographs from the Crosthwaite & Gavin Collection.

Articolo tratto da Phillips.com


5 e 3,7 milioni di dollari per i due Rolex più costosi di sempre

Quando Paul Newman cominciò a gareggiare all’inizio degli anni ’70 , la moglie gli regalò un Rolex Daytona. Questo modello, da allora, è indissolubilmente legato al suo volto.

Negli anni i Rolex Daytona con referenza 6263, 6239 e 6241 hanno preso il nome del celebre attore e, la prima tra queste referenze, creata in soli tre esemplari nella versione in oro giallo, si è guadagnata la fama di “The Legend”.

Oltre ad essere il Rolex Daytona più costoso mai aggiudicato ad un’asta pubblica, quello venduto domenica alla Phillips Geneva Watch Auction, con i suoi $3.717.906 è anche il secondo Rolex più costoso del mondo.

L’asta per aggiudicarsi questo prestigiosissimo segnatempo è stata molto combattuta. I presenti hanno riferito di una estenuante gara al rialzo tra due collezionisti, uno dei quali, poco prima che si aggiudicasse l’orologio, stava per uscire dalla sala in preda allo sconforto. Proprio in quel momento l’altro contendente non ha rilanciato l’offerta.

Ma questo Daytona 6263 non è stato il vero protagonista del fine settimana. Ad aggiudicarsi il titolo di Rolex più costoso mai venduto ad un’asta è stato il referenza 6062 “Bao Dai”, venduto per $5.060.427.

Acquistato a Ginevra durante le trattative sul conflitto in Indocina dall’ultimo imperatore del Vietnam, questo esemplare è uno dei tre 6062 ad avere il quadrante nero con gli indici con diamanti e l’unico dei tre ad avere i diamanti in corrispondenza delle ore pari.

Un weekend non male per la casa d’aste Phillips che nel giro di 48 ore è riuscita a battere i due Rolex più costosi della storia.